NEWS

box-right-property

PROPERTY MANAGEMENT
BUILDING MANAGEMENT
VALUTATION and ADVISORY

ENTRA

box-right-property

AGENCY
SERVIZI PER LA VENDITA
SERVIZI PER LA LOCAZIONE

ENTRA

box-right-property

AMMINISTRAZIONE
CONDOMINIALE
FACILITY MANAGEMENT

ENTRA

Condomini Cardioprotetti

13 ottobre 2017

Legnano 21 ottobre 2017 – ore 9,30
presso Il Giardino in via Marconi 7

Unicasa Condominio, in collaborazione con l’associazione SalvaGente, organizza il convegno “Condomini Cardioprotetti”. Il gruppo Unicasa conferma con questo evento l’impegno sociale nella gestione del condominio.

ARRESTO CARDIACO: NESSUNO NE PARLA, E’ UN PROBLEMA IRRILEVANTE?

  • Lo chiamano il killer silenzioso.  Non da, spesso, sintomi premonitori, colpisce persone apparentemente sane, e produce 73000 morti all’anno, solo in Italia. Sono 200 al giorno, uno ogni 7 minuti. Chi è colpito dall’ arresto cardiaco, se non soccorso in tempo, perde il 10% di possibilità di sopravvivenza ogni minuto, e in 4 minuti ha già danni cerebrali. Purtroppo, l’arresto cardiaco, è un altro dei casi in cui aspettare l’ambulanza non è la soluzione.
  • Ma abbiamo una soluzione?
  • SI. La soluzione c’è, la soluzione ancora una volta passa da un cambio culturale, passa dalla formazione. Una rianimazione cardiopolmonare precoce e dei defibrillatori prontamente disponibili sono la soluzione. Usare un defibrillatore è semplice, automatico e può essere fatto da chiunque abbia fatto un corso di formazione apposito.
  • Nei paesi in cui la formazione esiste in maniera massiccia ed in cui i defibrillatori sono diffusi sul territorio la percentuale di sopravvivenza da arresto cardiaco arriva anche al 75% (da noi è al 12).
  • Ma c’è un altro dato da osservare con attenzione: il ruolo delle abitazioni private, ed in particolare dei condomini. L’80% degli arresti cardiaci avviene in casa, quindi l’unico progetto davvero in grado di salvare vite, sarebbe quello del defibrillatore condominiale: averlo in ogni condominio con un congruo gruppo di cittadini addestrato ad usarlo.
  • Fantascienza? No. Progetti innovativi e possibili. Spetta a noi.

 

 

Moody’s rivede al rialzo il Pil dell’Italia: +1,3% nel 2017 – Rimbocchiamoci le maniche: tocca a noi!

4 settembre 2017

da La Repubblica 30 agosto 2017

Anche Moody’s rivede al rialzo le stime di crescita del nostro Paese. Secondo l’Agenzia di rating quest’anno e l’anno prossimo l’Italia crescerà dell’1,3% contro lo 0,8% e l’1% stimato in precedenza. ………

“Gli indicatori suggeriscono un’accelerazione della crescita per il resto dell’anno e l’indice di fiducia dei consumatori ai massimi da 16 anni fa ben sperare per una ripresa dei consumi”. ……..

L’agenzia arriva dopo una lunga serie di istituzioni che hanno già corretto al rialzo le previsioni di crescita dell’Italia. Dal Fondo Monetario Internazionale all’Ufficio Parlamentare di Bilancio, passando per Banca d’Italia e Confindustria fino all’Istat, che ha rilevato nel secondo trimestre una crescita acquisita dell’1,2% nei primi sei mesi dell’anno, già oltre l’1,1% indicato nel Def come crescita per l’intero 2017.

PIL tendenziale + 1,5% – Crescita troppo lenta senza l’immobiliare

12 maggio 2017

da http://www.monitorimmobiliare.it del 17 agosto 2017

Ieri l’Istat ha comunicato che nel secondo trimestre 2017 il prodotto interno lordo italiano è aumentato dello 0,4% rispetto al trimestre precedente e dell’1,5% rispetto al secondo trimestre 2016, aggiungendo che ….. il tasso di crescita del 2017 sarebbe pari all’1,5%.

….. il Pil dell’eurozona è cresciuto dello 0,6% nel secondo trimestre dell’anno e che, su base annua, si tratta di un aumento del 2,2% …..

….. il gap fra l’Italia e i principali partner si amplia inesorabilmente ….. la nostra è una “ripresa lenta”, che ci distingue in negativo, visto che mentre il Pil dell’Italia ….. è ancora di 6 punti circa al di sotto dei livelli del 2008, il Pil dell’eurozona è ritornato nel secondo trimestre 2015 ai livelli pre-crisi” ….

….. se vi fosse più coraggio nel varare riforme strutturali, nell’aggredire la spesa pubblica ….. e nel diminuire l’imposizione fiscale, i nostri numeri si avvicinerebbero a quelli degli altri Paesi Ue ….. In questo senso, la parte del leone potrebbe essere svolta dal settore immobiliare, che da sempre ha rappresentato  ….. un formidabile volano di crescita e di sviluppo. Ma devono essere sciolte le briglie che lo frenano e che hanno portato alla situazione che proprio Eurostat ha da ultimo segnalato, rilevando che il mercato immobiliare italiano è l’unico in calo in un’area euro in crescita del 4% ….

Sono briglie fiscali …. ma anche normative (emblematica è la persistenza della preistorica legge dell’equo canone per i contratti di locazione di negozi e uffici, che ingessa il mercato) …..

L’esperienza degli incentivi fiscali per le ristrutturazioni ha dimostrato ….. che l’immobiliare, quando può, muove l’economia. Si abbia coraggio e si consenta a questo comparto di far girare il suo motore a pieno regime.

Leggi tutto

Efficientamento in condominio: risparmio e non solo classamento energetico Una case history del Gruppo Unicasa a Milano

8 maggio 2017

Articolo sul n. 190 de Il Settimanale de “il Quotidiano Immobiliare”

In un recente appuntamento organizzato dal Gruppo Unicasa, rete di amministratori di condominio, con STO Italia, filiale italiana di uno dei principali produttori europei di materiali coibentanti, è stata presentata una case history realizzata a Milano in via Santa Rita da Cascia dove è stato eseguito un intervento “globale” di efficientamento energetico, coordinato dall’amministratore Vittorio Savoldelli del gruppo Unicasa. Lo scopo della presentazione è dimostrare con i fatti che investire nella valorizzazione degli impianti di un condominio conviene, perché a fronte di un miglioramento della classe energetica dell’immobile si registra un miglioramento delle prestazioni
e l’investimento, finanziato, è redditizio in termini di saldo annuale di spesa.

LEGGI TUTTO Il Quotidiano Imm.re_Efficientamento Energetico_case history

Cascina Merlata: “La piccola Manhattan”, l’Housing Sociale gestito da Unicasa

14 aprile 2017

….. le 7 Torri residenziali di Expo Village destinate all’Housing Sociale…..

“Le Torri hanno vissuto un momento unico in occasione di Expo – racconta Antonio Di Cunto, amministratore delegato di Euromilano – personalità di tutto il mondo hanno vissuto tra quelle pareti, dove ha dormito anche il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella”

Oggi il Social Village Cascina Merlata è un condominio gestito da Domenico Todisco, amministratore del gruppo Unicasa.

la piccola Manhattan